Il consumo eccessivo di sale casa problemi alla salute cardiovascolare nei bambini

Statistiche allarmanti riguardo all’aumento dei casi di ipertensione e malattie cardiovascolari nei bambini hanno sollevato preoccupazioni sulla salute dei più piccoli. In questo articolo, esploreremo l’impatto di questo fenomeno crescente e forniremo consigli pratici su come leggere le etichette alimentari per individuare il contenuto di sale nascosto. 

L’impatto preoccupante dell’aumento dei casi di ipertensione infantile

i danni del sale nei bambini come nuova emergenza sanitaria pediatricaStatistiche allarmanti riguardo all’aumento dei casi di ipertensione e malattie cardiovascolari nei bambini stanno sollevando preoccupazioni nella comunità medica. L’impatto di questa tendenza preoccupante è evidente, poiché lipertensione infantile può portare a problemi di salute a lungo termine, come malattie cardiache e ictus. I fattori che contribuiscono a questo aumento includono uno stile di vita sedentario, una dieta ricca di cibi ad alto contenuto di sale e una crescente obesità infantile

Acido Urico e ipertensione

E’ importante sottolineare che l’aumento di ipertensione può essere causato da un eccessivo consumo di fruttosio, che aumenta la concentrazione di acido urico nel sangue con un aumentato rischio di ipertensione nel bambini ( così come riporta la ricerca del Journal of Pediatric).

Come individuare il contenuto di sale nascosto nelle etichette alimentari

Bisogna stare attenti nella lettura delle etichette per conoscere l'apporto di sodio. E consigliabile non consumare cibi processatiPer individuare il contenuto di sale nascosto nelle etichette alimentari, è importante leggere attentamente le informazioni nutrizionali riportate sul prodotto. Il sale può essere indicato con diversi nomi, come ad esempio utilizzando il termine sodio. Controllare la lista degli ingredienti può aiutare a identificare gli alimenti ad alto contenuto di sale. Bisogna prestare particolare attenzione agli alimenti confezionati e trasformati, come snack salati, formaggi, insaccati e cibi pronti. Inoltre, è utile confrontare le quantità di sale presenti in diverse marche di prodotti simili per fare una scelta più consapevole. 

Dott. Massimo d’Angelo, nutrizionista pediatrico. Visite specialistiche: Milano, Padova, Bologna e Firenze. Tel: 3277728159

www.nutrizionistapediatrico.it